Alcol e cervello, gli effetti di abuso cronico di alcol.

Alcol e cervello, gli effetti di abuso cronico di alcol.

S danni STRUTTURALI al cervello derivanti da abuso cronico di alcol può essere osservato in diversi modi: Risultati di spettacolo autopsia che i pazienti con una storia di abuso cronico di alcol hanno un cervello più piccolo, meno massicce, e più rimpicciolite rispetto agli adulti analcoliche della stessa età e sesso. 1

I risultati di tecniche di imaging del cervello, come la TC dimostrano costantemente un’associazione tra bere pesante e danni al cervello fisico, anche in assenza di malattia epatica cronica o demenza.

Cervello contrazione è particolarmente esteso nella corteccia del lobo frontale 2 – la posizione di maggiori facoltà cognitive.

La vulnerabilità di questo ritiro lobo frontale aumenta con l’età. 3 Dopo 40 alcuni dei cambiamenti il ​​mio essere irreversibili [vedi sotto].

l’imaging ripetuta di un gruppo di alcolisti che hanno continuato a bere nel corso di un periodo di 5 anni ha mostrato progressivo restringimento del cervello che ha superato in modo significativo il normale ritiro all’età. Inoltre, il tasso di ritiro correlata con la quantità di alcol consumato.

Il rapporto tra il consumo di alcol e deterioramento della struttura e la funzione del cervello non è semplice. Misure come quantità media consumata, o anche la quantità totale consumata più di un anno, non prevedono l’entità finale del danno cerebrale.

Il miglior predittore di perdita di valore connessi con l’alcol è il seguente: massima quantità consumata contemporaneamente. insieme con la frequenza di bere tale quantitativo. Oltre agli effetti tossici dei frequenti alti livelli di assunzione di alcol, malattie connesse con alcol e lesioni alla testa (a causa di cadute, scontri, incidenti automobilistici, ecc) contribuiscono anche.

Il modello di recupero

Nonostante la triste realtà di cui sopra, la situazione non è senza speranza: con l’astinenza c’è il recupero funzionale e strutturale! Prevedibile funzioni cognitive e coordinazione motoria migliorare, almeno parzialmente, entro 3 o 4 settimane di astinenza; atrofia cerebrale inverte dopo i primi mesi di sobrietà. 5

Indicazioni di patologia strutturale spesso scompaiono completamente con l’astinenza a lungo termine. 6

Ipereccitabilità del sistema nervoso centrale persiste durante i primi mesi di sobrietà e poi normalizza. 7

Frontal flusso sanguigno lobo continua ad aumentare con l’astinenza, tornando a livelli normali approssimativamente entro 4 anni. 8

In generale, le competenze che richiedono romanzo, complesso, e la rapida elaborazione delle informazioni prendono più tempo per recuperare. Nuovo apprendimento verbale è tra i primi a riprendersi. abilità visuo-spaziali, l’astrazione, problem solving, e la memoria a breve termine, sono il più lento per recuperare. Ci possono essere deterioramento persistente in questi settori, in particolare tra gli alcolisti anziani [più di 40]. Tuttavia, anche questa popolazione può mostrare una notevole ripresa con abstinence.9 prolungata

I sintomi da astinenza sono essi stessi pericolosi.

Circa il 15% di convulsioni alcolisti esperienza durante i ritiri, e la probabilità di avere tali convulsioni, nonché la loro gravità, aumenta con il numero di episodi di astinenza passati. I sequestri sono correlati con il ritiro di entrambi i lobi frontali, ma non è noto se i sequestri sono una causa o un effetto dei cambiamenti strutturali. 10 Pagina successiva gt; gt;

1. Rosenbloom, M. et al. L’alcol Health Research Mondiale. 19. 266-272, 1995

2. Pfefferbaum, A. et al. Alcol Clinical and Experimental Research, 21. 521-529, 1997

4. Pfefferbaum, A. et al. Archives of General Psychiatry. 56, 905-912, 1998

5. Oscar-Berman, A. L’alcol Health Research Mondiale. 21, 65-75, 1997

6. Neuropsicologia di alcolismo – Parsons et al. 1987

8. Gansier D. et al. Ufficiale di studi di alcol, 61. 32-37. 2000

9. Neuropsicologia di alcolismo – Parsons et al. 1987

10. Sullivan, E. et al. Alcol Clinical and Experimental Research, 20, 348-354, 1996

Related posts

Related posts