Può il trattamento delle rughe contribuire ad alleviare la depressione, alleviare la depressione.

Può il trattamento delle rughe contribuire ad alleviare la depressione, alleviare la depressione.

E ‘un trattamento cosmetico popolare, ma i dati in anticipo accenna che Botox potrebbe avere un ruolo nel trattamento non solo l’invecchiamento, ma la malattia mentale pure.

E la connessione può essere la pelle in profondità. La ricerca suggerisce ora che il trattamento rughe e cancellando i segni esteriori di invecchiamento può effettivamente sollevare gli spiriti tra le persone affette da depressione.

Per quanto strano (e superficiale) come sembra, il collegamento deriva da un corpus significativo di ricerche. L’idea che le espressioni fisiche delle emozioni influenzano la nostra esperienza di sentimenti risale a Charles Darwin, che ha studiato le emozioni in entrambi gli animali e gli esseri umani in varie culture. Darwin di cui i muscoli cipiglio come i “muscoli dolore” e aggrotta le sopracciglia collegati a sentimenti di tristezza.

“Ci sentiamo dispiace perché piangiamo; ci sentiamo arrabbiati perché colpiamo [out], e non viceversa, “Dr. Eric Finzi, direttore medico del Centro Cosmetic Chevy Chase, nel Maryland. detto come ha presentato l’ultimo studio sull’influenza di Botox sulla depressione in occasione della riunione annuale della American College of Neuropsychopharmacology nel mese di dicembre.

Anche se la ricerca successiva ha dimostrato che la connessione funziona in entrambe le direzioni – si può provare pena e poi piangere, o viceversa – esprimere fisicamente un’emozione sembra essere un trigger importante per i sentimenti. Ad esempio, forzando un cipiglio può lanciare uno stato d’animo depresso, mentre deliberatamente sorridente può elevare esso, almeno temporaneamente (da qui le ricerche che dimostrano che le persone che ridono o sorridono regolarmente possono migliorare il loro stato d’animo). Gli studi hanno anche dimostrato che le persone a trovare scherzi più divertenti quando mettono una matita tra i denti per il lungo, che costringe un sorriso, rispetto a quando sono titolari di esso rivolta verso l’esterno, che non è così.

Il nuovo studio è il secondo per confrontare Botox con un placebo, anche se i risultati non sono ancora stati completamente rivisto sufficiente per la pubblicazione in una rivista scientifica. Due studi in aperto precedenti e un piccolo studio controllato. tuttavia, suggeriscono che promette.

I 84 partecipanti allo studio avevano una grave depressione che è durata in media per due anni e non era riuscito a rispondere completamente agli antidepressivi. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere il trattamento di Botox per appianare le rughe o di una iniezione di placebo, nella stessa regione del viso e sono stati valutati tre e sei settimane dopo. Entro la fine dello studio, circa il 27% di quelli trattati con Botox ha riportato quasi completa remissione della loro depressione, rispetto ad appena il 7% di coloro che hanno ricevuto il placebo.

“[Questo studio dimostra] che l’inibizione della accigliato può portare alla remissione in depressione”, ha detto Finzi.

Mentre i dati hanno mostrato una tendenza che ha suggerito una maggiore remissione è stato collegato con una riduzione più grande in accigliato visibile “, un cipiglio osservabile a riposo non era necessario per vedere un miglioramento”, ha detto.

Naturalmente, è possibile che Botox possono influenzare la depressione in modo più biologica, come attraverso il sistema immunitario, che può essere modificato durante la depressione. Ma Finzi ha detto che altri studi con dosi maggiori di Botox non hanno trovato significativi effetti sistemici, che lo porta a credere che il suo vantaggio principale può essere nell’aiutare le persone a vedere se stessi come più felice.

Perché ci è stato così piccola ricerca, però, è troppo presto per suggerire che Botox potrebbe essere il prossimo Prozac. Ma i risultati suggeriscono una connessione mente-corpo intrigante che potrebbe aprire nuovi modi per alleviare i sintomi della depressione.

Related posts

Related posts